Onde d’urto: cosa sono e quando servono

Onde d'urto: cosa sono e quando servono

Hai sentito parlare della terapia con onde d’urto e vorresti sapere cos’è nel dettaglio e se può esserti utile per il trattamento di determinati problemi fisici? 

In questo articolo, esploreremo insieme cos’è la terapia con onde d’urto, i suoi benefici, le controindicazioni, i tempi di recupero e le differenze rispetto ad altre forme di trattamento. Scopriremo anche quali condizioni possono essere trattate con successo attraverso questa tecnica e quando ci si può aspettare di vedere i risultati positivi.

Cos'è la terapia con onde d'urto e come funziona

La terapia con onde d’urto è un trattamento non invasivo che viene utilizzato in campo medico e fisioterapico per alleviare il dolore e favorire la guarigione di diverse patologie muscolo-scheletriche. Questa tecnica si basa sull’utilizzo di onde acustiche ad alta intensità che vengono trasmesse al corpo attraverso un’apparecchiatura apposita. 

Le onde d’urto agiscono sul tessuto interessato, stimolando la rigenerazione cellulare e promuovendo la circolazione sanguigna nella zona trattata. Inoltre, possono anche avere effetti antinfiammatori, analgesici e riparativi sui tessuti danneggiati. La procedura di trattamento prevede l’applicazione dell’apparecchio direttamente sulla pelle, con l’utilizzo di un gel per migliorare la trasmissione delle onde. 

Durante la seduta, il paziente può avvertire una sensazione di pressione o leggero dolore nel punto in cui viene applicata l’onda d’urto, ma generalmente il trattamento è ben tollerato. La durata e il numero di sedute necessarie variano a seconda della patologia trattata e delle condizioni individuali del paziente. 

Questa tipologio di trattamento rappresenta quindi una valida opzione per chi soffre di dolori muscolo-scheletrici cronici o lesioni tendinee, offrendo un approccio terapeutico sicuro ed efficace.

Quali sono i benefici delle onde d'urto?

I benefici delle onde d’urto sono molteplici e possono essere sperimentati in diversi ambiti terapeutici. Questa tecnica, chiamata anche terapia con onde d’urto, è ampiamente utilizzata nella fisioterapia per trattare una vasta gamma di disturbi muscolo-scheletrici. I prinicipali benefici sono:

  • capacità di stimolare la guarigione e il processo di rigenerazione dei tessuti danneggiati
  • aumentano il flusso sanguigno e promuovono la formazione di nuovi vasi sanguigni
  • accelera il recupero e può ridurre notevolmente il tempo necessario per guarire da lesioni come tendiniti, fasciti plantari e lesioni muscolari
  • allevia il dolore, riducendo l’infiammazione e stimolando la produzione di endorfine, sostanze chimiche naturali che agiscono come analgesici nel corpo umano
  • rompono le calcificazioni nei tessuti molli, come i depositi di calcio nelle tendiniti calcifiche, riducendo il dolore e migliorare la funzionalità dell’area interessata.

Complessivamente, i benefici delle onde d’urto nella terapia fisica sono numerosi e possono fornire un efficace supporto nel trattamento di una vasta gamma di patologie muscolo-scheletriche.

Quali sono i benefici delle onde d'urto?​

Quanti giorni di riposo dopo le onde d'urto?

Dopo un trattamento con le onde d’urto, è comune chiedersi quanto tempo sia necessario per riprendersi completamente e quando si può tornare alle normali attività quotidiane. La durata del periodo di riposo dopo le onde d’urto dipende da diversi fattori, tra cui l’area del corpo trattata, l’intensità delle onde d’urto utilizzate e la gravità della condizione. In generale, è normale sperimentare una certa sensibilità o dolore nell’area trattata dopo la terapia con onde d’urto.

Questo può richiedere un periodo di riposo di uno o due giorni, durante i quali è consigliabile evitare attività fisiche intense che potrebbero causare ulteriori danni o ritardare il processo di guarigione. Tuttavia, è importante consultare sempre un professionista specializzato per ottenere indicazioni specifiche in base al proprio caso individuale.

Il fisioterapista sarà in grado di valutare l’estensione del trattamento e fornire indicazioni precise sul periodo di riposo necessario. Seguire queste raccomandazioni aiuterà a garantire una corretta guarigione e a massimizzare i benefici delle onde d’urto nel tempo più breve possibile.

Cosa si può curare con le onde d'urto?

Le onde d’urto sono una forma di terapia non invasiva che può essere utilizzata per trattare una serie di condizioni. Questa terapia è particolarmente efficace nel trattamento delle patologie muscolo-scheletriche, come la tendinite, l’epicondilite (gomito del tennista), la fascite plantare e le calcificazioni dei tendini.

Possono anche essere utilizzate per trattare le fratture non guarite o lente a guarire, stimolando il processo di guarigione ossea. Altre condizioni che possono beneficiare della terapia con onde d’urto includono le lesioni dei tessuti molli, come le lesioni muscolari e i punti trigger. Inoltre, le onde d’urto possono essere utilizzate per il trattamento delle patologie vascolari come la malattia di Peyronie e l’angiopatia periferica.

La terapia con onde d’urto ha dimostrato di essere efficace nel ridurre il dolore, migliorare la funzionalità e promuovere la guarigione in queste diverse condizioni mediche. Tuttavia, è importante consultare un fisioterapista qualificato per determinare se questa tiplogia di terapia è adatta al proprio caso specifico e per stabilire il corretto protocollo di trattamento.

Onde d'urto vs altre terapie: vantaggi e differenze

Rispetto ad altre terapie, come la terapia manuale o la terapia farmacologica, le onde d’urto offrono diversi vantaggi e differenze significative.

Innanzitutto, sono in grado di raggiungere aree profonde del tessuto senza dover intervenire chirurgicamente, riducendo così il rischio di complicazioni e tempi di recupero più lunghi. 

Inoltre, stimolano la guarigione del tessuto danneggiato attraverso la promozione della circolazione sanguigna e la stimolazione dei processi di rigenerazione cellulare. 

Un altro vantaggio delle onde d’urto è che possono essere utilizzate come terapia complementare ad altre forme di trattamento, potenziando i loro effetti benefici.

Specifichiamo però che le onde d’urto non sono adatte a tutti i pazienti e possono presentare alcune controindicazioni. È fondamentale consultare un professionista qualificato per valutare se questa forma di terapia sia appropriata per il proprio caso specifico.

Onde d'urto vs altre terapie: vantaggi e differenze​

Controindicazioni delle onde d'urto

Le onde d’urto sono un trattamento terapeutico ampiamente utilizzato in diversi settori, come la fisioterapia e l’ortopedia. Tuttavia, è importante considerare le controindicazioni delle onde d’urto prima di sottoporsi a questo tipo di terapia.

Le principali controindicazioni includono la presenza di disturbi emorragici o coagulazione del sangue alterata, infezioni locali o sistemiche nella zona da trattare, gravidanza, tumori maligni, problemi cardiaci gravi, come infarto del miocardio recente o aritmie non controllate, e la presenza di pacemaker o altri dispositivi elettronici impiantati.

Inoltre, le onde d’urto non devono essere applicate direttamente sulle ossa ancora in fase di crescita nei bambini. È fondamentale che i pazienti siano adeguatamente valutati prima di sottoporsi a questo trattamento per evitare complicazioni o effetti indesiderati.

Se si presentano uno o più dei suddetti casi, è utile discutere la possibilità di alternative terapeutiche. La sicurezza del paziente è sempre la priorità e una corretta valutazione delle controindicazioni aiuterà a garantire che le onde d’urto siano somministrate in modo appropriato e sicuro.

Quando si vedono i benefici delle onde d'urto?

I benefici delle onde d’urto possono variare da persona a persona e dipendono dalla gravità e dalla causa del problema trattato. Tuttavia, in generale, i risultati positivi della terapia con onde d’urto possono essere osservati nel corso di diverse settimane o mesi dopo il trattamento. Non è insolito che alcuni pazienti sperimentino un immediato sollievo dai sintomi dopo la prima seduta, mentre per altri potrebbe essere necessario un po’ più di tempo per notare miglioramenti significativi.

L’efficacia delle onde d’urto può essere influenzata da diversi fattori, come la gravità dell’infortunio o della condizione medica, l’età del paziente e il suo stato di salute generale. Ad esempio, per il trattamento di tendinopatie croniche, come la tendinite del gomito o la fascite plantare, i benefici delle onde d’urto possono diventare evidenti dopo alcune settimane di trattamento regolare.

Il processo di guarigione può richiedere tempo e pazienza. Pertanto, è consigliabile seguire attentamente le indicazioni del fisioterapista specializzato nell’utilizzo delle onde d’urto e rispettare il piano di trattamento prescritto. In alcuni casi, potrebbe essere necessario completare una serie di sedute per ottenere risultati ottimali.

Conclusione

Dalle informazioni presentate in questo articolo, è chiaro che la terapia con onde d’urto offre numerosi benefici nel campo della fisioterapia. Grazie alla sua capacità di stimolare la guarigione dei tessuti e ridurre il dolore, questa tecnica si sta dimostrando sempre più efficace nel trattamento di una vasta gamma di condizioni muscolo-scheletriche.

Ricordiamo ancora una volta che ogni paziente è un individuo unico e i risultati possono variare. Inoltre, le onde d’urto non sono l’unica opzione disponibile e potrebbe essere necessario considerare anche altre terapie in base alle specifiche esigenze del paziente.

Se sei alla ricerca di un fisioterapista a Varese, specializzato in terapia con onde d’urto, mi trovi a Caronno Petrusella presso il centro Fisio Z dove mi occuperò di valutare la tua situazione per proporti il miglior percorso di trattamento il base alle sue esigenze.

Scroll to Top